Torna a: Top
Copertina

Abactum animal : sulla repressione dell'abigeato in diritto romano / Luciano Minieri. - Napoli : Edizioni Scientifiche Italiane, 2018

L’abigeato, cioè il furto di più capi di bestiame, è in diritto romano un crimen extraordinarium, basato sull’autorità del princeps e pertanto fuori dell’ordo iudiciorum. Fino ad Adriano un’eventuale sottrazione di animali rientrava tra le ipotesi previste dal delitto di furto e prevedeva l’esperimento di un’azione civilistica. La prima disposizione in materia si ebbe con questo imperatore, il quale emise un rescritto relativo alla provincia spagnola della Betica che prevedeva l’irrogazione agli abigei della pena capitale e, per i casi di minore importanza, dei lavori forzati. Partendo dal commento alle disposizioni adrianee, i giuristi severiani iniziarono ad elaborare un autonomo reato, distinguendo tra furto e abigeato sulla base del criterio prevalente del numero di animali sottratti e della loro tipologia. Soltanto tra la fine del III sec. e l’inizio del IV con le Pauli Sententiae verrà individuato in modo definitivo il reato di abigeato al quale verrà accostata una categoria aggravata di abigei, gli atroces abactores. I giustinianei, infine, si occuparono solo in modo occasionale del reato, inserendo nei brevi titoli dei Digesta e del Codex pochi testi tratti dalle opere dei giuristi e una sola costituzione imperiale.

Cerca a catalogo altri titoli simili

Copertina

Ammissioni e autorizzazioni / Francesco Volpe. - Torino : Giappichelli, 2018

Lo scopo di questa indagine è di verificare a quali diverse attitudini funzionali rispondano le principali categorie di provvedimento favorevole, sì da stabilire a quali forme di controllo sull'attività dei privati, che ne siano destinatari, meglio si prestino quelli di un tipo, anziché quelli di un altro. Con gli opportuni adattamenti, le conclusioni raggiunte potranno essere utilizzate come base argomentativa anche a riguardo dei titoli semplificati che, oggi, sostituiscono spesso il provvedimento esplicito. Una tale ricerca presuppone che si abbandonino le più diffuse classificazioni dei provvedimenti attributivi di un vantaggio, quali sono state individuate da tempo, e che, nell'opinione di chi scrive, non sono adatte a distinguere convenientemente le singole figure provvedimentali. Poiché, tuttavia, dimostrare i motivi in forza dei quali le classificazioni tradizionali non rispondono a canoni speculativi è cosa solo presupposta, all'oggetto dell'indagine, si consentirà di essere, sul punto, piuttosto sintetici. Tanto più che dette dimostrazioni sono già state date, almeno in parte, dalla letteratura. Inoltre, esse sono già state esposte in altra sede dallo stesso estensore di questo studio.

Cerca a catalogo altri titoli simili

Copertina

Bambini pensati, infanzie vissute / a cura di Andrea Traverso. - Pisa : ETS, 2016

Il tema dell'infanzia è trattato in questo volume collettaneo e interdisciplinare con una sensibilità pedagogica e sociale che rende l'oggetto di studio quanto mai vivo. I bambini, nella prima parte del testo, sono pensati a partire da esperienze politiche, scolastiche, di sistema e metodologiche con l'intenzione di definirne più rappresentazioni ed immaginari collettivi. Nella seconda parte, invece, le infanzie sono vissute e sono raccontate per mezzo di esperienze (attuali o che attraversano il tempo) che accompagnano il lettore in luoghi e spazi nei quali sfidare nuove figurazioni. Il comune denominatore è il rapporto tra la società (rappresentata da adulti decisori, governatori, insegnanti, educatori, genitori, salvatori) e l'infanzia, un mondo ricco e delicato, potente e al contempo fragile.

Cerca a catalogo altri titoli simili

Copertina

Business modeling for life science and biotech companies : creating value and competitive advantage with the Milestone bridge / Alberto Onetti, Antonella Zucchella. - London ; New York : Routledge, 2014

Most books on the biotechnology industry focus on scientific and technological challenges, ignoring the entrepreneurial and managerial complexities faced bio-entrepreneurs. The Business Models for Life Science Firms aims to fill this gap by offering managers in this rapid growth industry the tools needed to design and implement an effective business model customized for the unique needs of research intensive organizations.Onetti and Zucchella begin by unpacking the often-used ‘business model’ term, examining key elements of business model conceptualization and offering a three tier approach with a clear separation between the business model and strategy: focus, exploring the different activities carried out by the organization; locus, evaluating where organizational activities are centered; and modus, testing the execution of the organization’s activities. The business model thus defines the unique way in which a company delivers on its promise to its customers. The theory and applications adopt a global approach, offering business cases from a variety of biotech companies around the world.

Cerca a catalogo altri titoli simili

Per sapere se il libro è disponibile e in quale biblioteca si trova clicca il titolo.

Clicca l'immagine della copertina (se presente) per collegarti alle pagine del libro su Google Libri.