Ultimi arrivi

Come immaginate uno Stato digitale? Che aspetto dovrebbe avere? Come dovrebbe funzionare? La maggior parte di noi a queste domande risponde intuitivamente, associando l'idea (e le aspettative) di un servizio pubblico digitale all'esperienza che abbiamo maturato consumando servizi e prodotti tecnologici commerciali. Pretendiamo così amministrazioni digitali che soddisfino sempre le nostre richieste in tempo reale. Vogliamo servizi semplici, a prova di idiota. Esigiamo che siano costruiti su misura per le nostre esigenze oltre che - naturalmente - gratuiti. Rapiti da una retorica trasversale a politica, media e istituzioni, che celebra il fare subito, in modo semplice e a tutti i costi, siamo vittime di un'insoddisfazione costante verso lo Stato digitale. Aumenta così il divario tra le aspettative abbaglianti che le tecnologie private ci regalano e la realtà di un servizio pubblico che, rispetto a quelle, appare inevitabilmente deprimente. Da sola, tuttavia, la transizione digitale non basta a colmare tale divario. Allo Stato occorre recuperare l'idea di complessità, declinando su di essa la propria dimensione digitale. Quella stessa complessità che il digitale ci spinge a trascurare, a fuggire addirittura, va quindi raccontata, difesa, celebrata pubblicamente. Se sapremo evitare di demonizzare le molte complessità delle persone, delle decisioni pubbliche e delle strutture amministrative, recupereremo un rapporto umano e più gratificante con lo Stato digitale del presente e del futuro.
Cerca a catalogo altri titoli simili
Solvency II ha rappresentato una rivoluzione per le compagnie assicurative. Il Regolamento IVASS n. 38/2018 è l’epilogo del lungo processo di recepimento delle nuove regole nella normativa nazionale. Entro tale contesto di rinnovamento il sistema di governo societario assume un ruolo centrale. La revisione dei processi in ottica risk-based, l’enfasi posta sul Consiglio di Amministrazione al quale si richiedono maggiore consapevolezza oltre che il rispetto di requisiti fit & proper, il processo ORSA, la nuova funzione attuariale, sono soltanto alcuni dei numerosi aspetti trattati nel presente volume, nel tentativo di fornire al lettore un quadro quanto più esaustivo possibile in tema di governance e sistema dei controlli interni nelle assicurazioni, con particolare attenzione al contesto italiano.
Cerca a catalogo altri titoli simili
Il volume è un testo di economia aziendale focalizzato sulle aziende pubbliche dei servizi sanitari. La razionalizzazione della spesa sanitaria ed il bisogno di perseguire costantemente i principi di efficacia ed efficienza, rappresentano le peculiarità dei processi organizzativi delle aziende sanitarie. In un siffatto background, i sistemi informativi contabili costituiscono il supporto necessario per la verifica dell'efficienza della gestione aziendale. Il testo, frutto di una ricerca scientifica improntata sull’utilizzo della metodologia payback ripartita su cinque classi, vuole analizzare gli elementi chiave dell’agire dell’azienda sanitaria, partendo dai requisiti strutturali e strategici, passando per i sistemi di misurazione e valutazione della performance e giungendo ad un’attenta disamina delle funzioni di programmazione e controllo e all’evoluzione dei processi in tema di contabilità mettendo in risalto le tecniche di accountability adottate e gli obiettivi perseguiti.
Cerca a catalogo altri titoli simili
Il volume indaga da una prospettiva antropologica il welfare in Italia, con due obiettivi: da un lato, proporre una ricognizione qualitativa delle declinazioni dello stato sociale contemporaneo, mostrandone ambiguità e contraddizioni; dall'altro, mettere in luce il contributo che l'etnografia può fornire all'analisi delle pratiche, delle politiche e delle rappresentazioni del welfare. Entrambi si fondano sul presupposto che il welfare sia un contesto di ricerca privilegiato per l'antropologia.
Cerca a catalogo altri titoli simili
Reconstructs Fernando Ortiz' s anthropological study on Afro-Cuban culture since the early 20th c., in particular on the Abakuá male secret societies, also called "ñañigos", with origins in African societies in the Calabar region. Author describes how Ortiz developed from earlier positivist, criminological approaches to broader, appreciative studies of Afro-Cuban culture, with a lasting interest in the Abakuá societies. Ortiz studied several aspects of Abakuá and collected much data and information, and referred to Abakuá aspects in works from the 1930s and 1940s, and wrote articles on specific Abakuá aspects in the 1950s. Author shows how Ortiz from 1917 onward in his correspondence stated repeatedly to fellow-scholars his goal of writing a comprehensive, extensive monograph on Abakuá, for which he collected much information during his life. In the 1950s he cooperated for this purpose with Vera Rubin from Columbia University. Author points out, however, how this monograph on Abakuá, while probably written by Ortiz at the end of his life, and seen by some, cannot be found in the present
Cerca a catalogo altri titoli simili